Kalsa e Orto Botanico

La Stazione Centrale di Palermo, nella Piazza Giulio Cesare, è un edificio tardo ottocentesco, prospiciente il cosiddetto "ingresso monumentale" alla via Roma. Al centro della piazza sorge un Monumento a Vittorio Emanuele II eretto nel 1886. Guardando la via Roma, imbocchiamo a destra la via Lincoln che percorreremo tutta fin quasi al mare. Presto incontriamo l’incrocio con il Corso dei Mille, zona popolare e di mercato, e a pochi metri sul marciapiede dello stesso corso, la bancarella del venditore di "Mussu e Carcagnolu". In corso dei Mille potrete gustare un ottimo gelato nella gelateria da Ciccio.

Proseguendo su Via Lincoln, superato l’incrocio con via Archirafi, ove ha sede la facoltà di botanica dell’Università di Palermo, raggiungiamo l’Orto Botanico, fondato nel 1786, tra i più antichi d'Europa. Su una superficie di dieci ettari potrete ammirare yucche, cycas, ficus, ananas, banani, alberi con il fusto ad aculei (kapoc), cactus, euforbie e tantissime altre specie vegetali. A pochi metri sullo stesso lato troviamo la villa Flora, oggi Villa Giulia, da poco restaurata. Da non perdere al suo interno la fontana del Genio (Ignazio Marabitti, 1778).

Il genio di Palermo è il nume tutelare della città, o genius loci, complementare a Santa Rosalia, protettrice della città. È anche chiamato semplicemente Genio o Palermo. Nella città ve ne sono 8 raffigurazioni, di cui sei sono sculture (due delle quali sono fontane), una è un affresco di Vito D'Anna e un'altra è un mosaico posto all'ingresso Cappella Palatina. Uscendo dalla Villa, attraversando la Via Lincoln, potremo sostare per uno spuntino assaggiando la famosa arancina “bomba” specialità del Bar Turing.

Sullo stesso lato della Via Lincol la porta Reale immette in uno dei rioni storici di palermo, la Kalsa, dall’arabo al Halisah, l’eletta. Sulla Piazza Kalsa la chiesa di santa Teresa in stile Barocco edificata alla fine del ‘600. Più avanti risalendo su via dello Spasimo raggiungiamo il complesso monumentale omonimo. Antico convento semidistrutto e abbandonato per secoli, e’ oggi risorto grazie ad un efficace intervento di restauro e viene utilizzato per mostre esposizioni, concerti e spettacoli. Proseguiamo raggiungendo la Piazza Magione per ammirare l’omonima Chiesa detta anche Basilica della Santissima Trinità Del Cancelliere, un particolare esempio di arte arabo normanna. Ritorniamo sui nostri passi verso la Piazza Kalsa e raggiungiamo il Foro Italico, detto passeggiata della Marina, un'immenso prato verde che costeggia il mare e che si estende da Villa Giulia alla Cala, l'antico porto di Palermo. A ridosso del Foro Italico, la "passeggiata delle mura della Cattive" e' una terrazza prospiciente il mare posta sulle mura Civiche, cosi detta in quanto anticamente prediletta dalle vedove ("captivae" ovvero prigioniere del dolore).

In Giro per Palermo

Cosa vedere in città: gli itinerari, i luoghi e le mete da scoprire a Palermo...

case vacanza a palermo

Cucina e dintorni

I piatti tipici, i dolci più invitanti: il dove e come della cucina siciliana...

Tariffe e Prenotazioni

Prenota la tua vacanza in Sicilia, con pochi semplici clic...

     

Newsletter Offerte

Template Design © DSGNstudio.it. All rights reserved.